Genii di Missina

Versi di Mauro Geraci

Testo

Oggi,
ca li tempi calanu cu nuautri
sutta lu funnu di l’ignuranza
di lu Strittu
li casi di Missina
hannu l’occhi, lu nasu, la vucca,
hannu li manu aperti
e i pedi puntati supra lu munnu
e dintra pari ci scurrissi sangu russu
e fora acqua di negghi passiggeri
pari ca li lavassi
abbivirannuli
comu furesti d’arbuli ciaurusi.


L’acqua, inveci,
cala di lu malutempu
e u fangu allorda li pinseri,
l’occhi, li nasi, li vucchi,
mani e pedi ‘ncritati
e li facci ‘n terra
ca non canusciunu cchiù a nuddu.
Canusciunu iddi stissi,
l’eroi missinisi,
cu lu geniu ca scatta
di prosopopei,
di cunvinevuli,
di nuvità,
di nimici.


E si la cantanu,
e si la sonanu
comu cicali svintati
nta lu Strittu sularinu
di la notti.

Sul treno per Roma, dopo Villa San Giovanni, ottobre 2008

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *