Io sono il cantastorie siciliano Mauro Geraci “chi ama la puisia e la paci”, scrisse in una dedica il grande poeta Ignazio Buttitta nel lontano 1982. Come la Sicilia di noi cantastorie, il mio sito vuol essere una Casa che diventa una Piazza poetica aperta al Mondo e sul Mondo. Tutt’altro che un’isola! Una piazza libera, politicamente scorretta, che ricerca la conoscenza reciproca, lo scambio di idee e opinioni e che rifugge da ogni pensiero unico, da ogni ortodossia morale, da ogni dogma, luogo comune o stereotipo. Quando vorrete, se vi farà piacere, potete entrare e fermarvi in Casa Geraci ad ascoltare storie e ballate, comiche o drammatiche, in siciliano o italiano, che compongo e canto con la mia chitarra invitandovi a riflettere sui drammi che infestano la contemporaneità in cui ci troviamo a vivere, se non a morire. Dal forum Piazza Geraci potrete anche aiutarmi attivamente a portare a termine le mie proposte di storie e ballate fornendomi notizie aggiuntive, testimonianze inedite, correzioni o avanzando voi stessi temi, vicende, argomenti che, come si diceva in Sicilia, meriterebbero “di faricci a canzuna”. Del resto, scriveva sempre il poeta Buttitta, il cantastorie non canta ciò che vuole ma ciò che pesca e ascolta dalla Piazza del popolo: “a chiazza è un puzzu, lu pueta cala u catu e tira acqua pulita”; “lu pueta è latru” è un “piscaturi cu li riti cunzati tutti li staciuni”. E’ una Piazza che, direbbe il mio grande Maestro Franco Trincale (il “provocantore”), punta a “far scuola”, a promuovere una riflessione disincantata e dialettica sui fatti che ci circondano, sulla storia in cui rischiamo di annegare e dalla quale la nostra voce risale a galla, forte a cantare. La Casa e la Piazza del cantastorie Geraci sono vostre…

 

Prego, entrate!

*

MARTIRIO IN RE MINORE PER CONTRABBASSO SOLO
Versi e musica di Mauro Geraci con riprese dal Don Giovanni di Wolfgang A. Mozart e Lorenzo Da Ponte

Questa mia ballata è basata su una esperienza sul campo ma non quello dei primitivi dell’Africa nera o dell’interno della Sicilia dove, ancora, sono in molti a pensare si trovino. E’ quello della prestigiosissima, lussureggiante Accademia Americana di Roma, a Porta San Pancrazio. Ero invitato ad assistere ai saggi dei giovani borsisti compositori che presentavano, come ogni anno, i risultati del loro lavoro. Risultati eccezionali, per molti aspetti. Uno di questi consisteva in un componimento per solo contrabbasso, in quell’occasione eseguito dalla straordinaria contrabbassista Nina de Heney. Brano molto bello che, però, allo scopo di tirare nuove sonorità, prevedeva che lo strumento venisse percosso sulle spalle, sulla pancia, sul basso retroschiena, sul riccio, sulle parti più intime, insomma martoriato. Più che sulla composizione, io mi sono così posizionato (come amano dire gli antropologi della postmodernità) sul punto di vista del contrabbasso che, magari, il giorno prima suonava Mozart o Rossini alla Scala di Milano e ora, all’improvviso, si trovava suonato e preso a legnate (Ligneous era il titolo di un altro componimento, peraltro stupefacente).

 

Sintiti tutti di stu cuntrabbassu
la ‘ngrata sorti chi cci capitau,
era cuntentu e truvava sempri spassu
e un gran tinuri pareva ccà e ddà.

Ogni matina friscu e pittinatu
non vidia l’ura di fari li proven
cu la maistren tedeschen misa a latun
Haendel, Bach e magari Beethoven.

“Mozart mi piaci,
sì lu cchiù granni,
cu tia mi sentu
un Don Giuvanni,
dintra st’orchestra
sugnu lu re,
di li strumenti
lu veru assu
non è ‘u viulinu
è ‘u cuntrabbassu”.

Ma na jurnata cci fu ‘n granni scunquassu
ca a la maistra cci vinni ‘i sunari
un novu pezzu pi sulu cuntrabbassu
d’un musicista chi strata nn’havi a fari.

Nenti sapennu comu ogni matina
tisu lu cuntrabbassu era filici
ma ‘o primu purpittuni nta la schina
pinsau: “Mi, ma chi minchia ci fici!”

Quella mattina alla maestra venne in mente
di suonare un pezzo di musica contemporanea per contrabbasso solo…
comincia, sentite…

 

 

Doppu menz’ura di tiri e pizzuluna
dda speci di spartitu cci finiu
e u cuntrabbassu a chini purmuna
s’arripigghiau lu ciatu: “Santu Diu!

Cara maistra a stu cumpusituri
cuntimpuraneu cci l’aviti a diri,
picchì di l’avanguardia li turturi
nui cuntrabbassi l’avimu a patiri.

Maistra, vidi ca mi nni vaju…

Si botti cu li manu
tu mi darai accussì
supra ‘u pirolu acchianu
e mi nni vaju ‘ngursì!”

Risponde la maestra:

“No no nun mi lassari
ti sonu anima mia
supra sti cordi cari
la duci miludia”.

“Iu sugnu ‘u cuntrabbassu,
e tu fammi sunà,
‘un mi nni futti un cassu
di la mudirnità…”

“Vieni, vieni…”

“Vorrei e non vorrei
mi trema un poco il cor
felice è ver sarei
ma può burlarmi ancor!”

Poi però fanno pace, si abbracciano e continua la storia d’amore tra la maestra e il contrabbasso:

“Andiam andiam mio bene
a ristorar le pene
del nostro antico amor!”

 

Ascolta e scarica

 

*

PI LI MORTI VACCINATI
Versi e musica di Mauro Geraci

Dedicata anche a Cinzia Pennino e a Zelia Guzzo, le giovani insegnanti di Palermo e di Gela scomparse dopo il vaccino in questi ultimi giorni di marzo, come alle altre persone ancora in coma a Messina come a Latina per la stessa ragione. Le notizie sono state date solo dai locali mezzi d’informazione; assordante silenzio da parte dei telegiornali e della stampa nazionale.

Una mia preghiera dedicata a tutti coloro che hanno perso la vita dopo la somministrazione del vaccino anticovid. Tra questi i tre giovani poliziotti siciliani Stefano Paternò, Davide Villa e Giuseppe Maniscalco. Perdite da molti considerate “messe nel conto” o nella “conta vaccinale” ma che, a mio avviso, non sono state piante abbastanza, così come si dovrebbe fare in questo mondo in cui tutto gira e passa indifferentemente. Come Paolo Fresu ha fatto per i morti di covid io, cantastorie Mauro Geraci, voglio piangere per queste povere, altre vittime dell’inferno in cui ci troviamo e un carissimo abbraccio a tutti i loro congiunti.

 

Quattru pagini ‘i giurnali,
ddui o tri ghiorna a la tv,
si calaru appena l’ali
e non ci pinsaru cchiù.

Li scinziati vuci e chiantu
non nni vonnu e senz’affruntu
pi sti morti lu rimpiantu
era misu nta lu cuntu.

Senza maschera e tampuni
‘m Paradisu ‘un vi scantati
v’a grapiticci ‘u purtuni
ca su’ morti vaccinati.

E AstraZeneca non sapi c’havi a diri
e nta l’occhi di la genti lu silenziu
cala e nuddu nta stu munnu po’ chianciri
a cu morsi senza curpa e senza abbentu.

 


Non ci fu correlazioni,
prestu l’Aifa sintinziau,
li vaccini sunnu boni,
lu distinu li ‘mmazzau

sti tri giovani picciotti,
senza mancu catafalcu,
Villa e l’autri poliziotti
Paternò e Maniscalcu.

E cu chiddi di lu covid
‘m Paradisu scaricati
abbrazzati tutti forti
su’ sti morti vaccinati.

E nuatri chiusi a chiavi nta stu munnu
ca giria comu si fussi lavatrici
chi nni sciacqua lu cirveddu cchiù prufunnu
accussì ca la raggiuni non si dici.

 

Ascolta e scarica

*

NINNA NANNA ALL’ITALIA
Versi e musica di Mauro Geraci

Ninna nanna all’Italia, perché, non c’è verso, qualunque istanza di rinnovamento sociale (non parliamo di rivoluzione), qualunque essa sia, viene neutralizzata e risucchiata, per una ragione emergenziale o per un’altra, in un Centro divoratore come la Gorgone della mitologia greca. Già a fine Ottocento queste cose le aveva colto benissimo il grandissimo De Roberto ne I Vicerè. Un Centro azzurro, giallo, verde, rosso, rosa, nero, multicolore, multiculturale, multitrasversale, tecnico per non usare le antiche formule tri, quadri, pentapartitiche… questa Ninna nanna all’Italia, davvero rassicurante , fa pendant con quella che scrissi non tanto tempo fa assieme a Simonetta Ceglie, intitolata La Sagra delle Sardine. Ma ve lo siete mai domandato che fine hanno fatto e, soprattutto, in quale mare sono nate quelle Sardine… ve le ricordate quelle Sardine poverine, innocentine, “proletarine”? Mah! Io me lo chiedo sul finale di questa mia ninna nanna, ripensando al grande Charlot… sintiti, cari amici, sentiri chi c’è di sentiri, diceva il grandissimo Cicciu Busacca.

 

Fai la nanna Italia bella
tra papà Draghi è mamà Mattarella,
se piangi ancor che non c’è la dc
a darti il ciuccio c’è oggi il pd.

Bò, bò, bò,
statti tranquilla che il centro tornò,
con Draghi capo dei tuoi paladini
e il prode Orlando Dario Franceschini.

Nel ciel di notte non fischia più il vento
e con Di Maio ora canta contento
Grillo, Salvini e anche Berluscon
non te li rompono più li co…

Ò, ò, on,
dormi tranquilla non c’è la Melon,
della Carfagna, della Gelmini
or s’innamorano tutti i bambini.

Oh, oh, oh..

 


Co, la, o,
la ninna nanna con lo smartphon
or te la suona perfin la Brunetta
e se non dormi ti sgrida e bacchetta.

Co, co, vid,
dell’Azzolina ti resta il rossetto
e se la sogni al Conte vicina
Bianchi lo copre con la mascherina.

Bò, bò, bò,
dai che nessun fa la rivoluzion
e a farti coccole e le moine
presto vedrai ritornar le sardine.

Le sardine, ma dove saranno finite mai la Sardine… chissà!

«Io cerco la Sardina, Sardina, mia Sardina
la cerco e non la trovo chissà dove sarà.

La vo’ cercando tutto il giorno
l’annunzio ho messo sul giornal,
mi par vedere sempre intorno
quel bel visino celestial.
Credei vederla una mattina
tra molta folla su di un tram
ma grida a un tratto una vocina:
“Olà signor, ma che facciam?
Il vostro agire è molto stran,
tirate indietro quella man, man, man, man…

Io cerco la Sardina, Sardina, mia Sardina
la cerco e non la trovo chissà dove sarà!”»

 

Ascolta e scarica