Io sono il cantastorie siciliano Mauro Geraci “chi ama la puisia e la paci”, scrisse in una dedica il grande poeta Ignazio Buttitta nel lontano 1982. Come la Sicilia di noi cantastorie, il mio sito vuol essere una Casa che diventa una Piazza poetica aperta al Mondo e sul Mondo. Tutt’altro che un’isola! Una piazza libera, politicamente scorretta, che ricerca la conoscenza reciproca, lo scambio di idee e opinioni e che rifugge da ogni pensiero unico, da ogni ortodossia morale, da ogni dogma, luogo comune o stereotipo. Quando vorrete, se vi farà piacere, potete entrare e fermarvi in Casa Geraci ad ascoltare storie e ballate, comiche o drammatiche, in siciliano o italiano, che compongo e canto con la mia chitarra invitandovi a riflettere sui drammi che infestano la contemporaneità in cui ci troviamo a vivere, se non a morire. Dal forum Piazza Geraci potrete anche aiutarmi attivamente a portare a termine le mie proposte di storie e ballate fornendomi notizie aggiuntive, testimonianze inedite, correzioni o avanzando voi stessi temi, vicende, argomenti che, come si diceva in Sicilia, meriterebbero “di faricci a canzuna”. Del resto, scriveva sempre il poeta Buttitta, il cantastorie non canta ciò che vuole ma ciò che pesca e ascolta dalla Piazza del popolo: “a chiazza è un puzzu, lu pueta cala u catu e tira acqua pulita”; “lu pueta è latru” è un “piscaturi cu li riti cunzati tutti li staciuni”. E’ una Piazza che, direbbe il mio grande Maestro Franco Trincale (il “provocantore”), punta a “far scuola”, a promuovere una riflessione disincantata e dialettica sui fatti che ci circondano, sulla storia in cui rischiamo di annegare e dalla quale la nostra voce risale a galla, forte a cantare. La Casa e la Piazza del cantastorie Geraci sono vostre…

 

Prego, entrate!

*

CRIMINALI DI MONTAGNA
La tragedia della funivia Stresa Mottarone, 23 maggio 2021
Versi e musica di Mauro Geraci

Breve ballata per esprimere lo sdegno verso quei criminali di montagna che, per non fermare la macchina dei soldi, hanno preferito usare il forchettone rosso per disattivare i freni della cabinovia Stresa Mottarone pensando che non succedesse niente. Invece, dopo giorni e giorni in cui l’avevano sfangata, è successo! Il 23 maggio 2021 il cavo d’acciaio si è spezzato e, senza freni, la cabina è precipitata facendo un salto di più di cinquanta metri. Tutti morti tranne un piccolo. Da qui la mia tragica ballata per portare tutti a riflettere sulle mani tecnologiche ed etiche in cui sono riposte le nostre vite anche quando, dopo durissimi mesi di clausura pandemica, ci riapriamo timidamente a trascorrere qualche sospiratissimo giorno di relax all’aria aperta. Per i criminali che hanno causato questa assurda tragedia anche lo stesso Lucifero non sa che pene impartire.

La cabina ogni mumentu
si bloccava ntra li munti,
si guardaru suttaventu
e si ficiru li cunti.

“Ccà l’incassu lu pirdemu,
la jurnata è sularina,
v’a livamuci lu frenu
ca lu stissu idda camina”.


Lu dimoniu si ‘mmiscau,
‘n corpu ‘i cuda pi la via
e lu cavu si spizzau
e cadiu la funivia

china china di picciotti
patri, matri e picciriddi,
tranni unu tutti morti
ora sunnu ammenzu ‘i stiddi.

E Tadini cu Nardini
cu Perocchio ed autri addetti
‘nveci sunnu ‘ntra li spini,
a li pusi li manetti.

Oh Lucifaru ‘nfirnali
a to casa statti ‘m paci
ca ‘sti pezzi ‘i criminali
mancu boni su’ p’a braci.

*

STORNELLI COVID FRI’
Versi di Mauro Geraci, musica tradizionale

C’è sempre chi, ad esempio la moglie o la televisione, dall’alba a notte fonda non fa altro che parlarti di vaccini, trombosi, tamponi, mascherine, pass verdi, zone rosse, gialle e arancioni…  ora lo sappiamo che non c’è da scherzare e che bisogna stare attenti ma se si parla solo di covid uno non ce la fa più. Alla sera, sfiancato, prima di spegnere la luce, il marito prega e il Signore arriva per ricordargli che, purtroppo, ognuno di noi, su questo sporco mondo deve avere una croce da portare…

 

 

Prima c’agghiorna ‘u suli a lu matinu
già me mugghieri parra di vaccinu.

«La frevi poi ti passa, non ti fa mali ‘u vrazzu»,
«Basta ci ti sta’ muta mi lu fazzu!»

Lu latti e lu cafè, mentri fa culazioni
a mia mi manna a fari lu tamponi.

E si dipoi la vasu diventa tisa tisa
mi dici: «Bestia, c’è ‘a varainti ‘ngrisa!»

Si tornu di la spisa carricu com’un mulu
mi dici: «Lava ‘i manu e puru ‘u culu!»

E doppu di manciari idda si spaparanza
e a mia mi lassa a ‘dditta nta la stanza.

Cu lu tilicumannu di la tilivisioni
idda è a riggina d’a zona arancioni.

Si segui li cunteggi, plussimetru a lu jtu,
iu malidicu ‘u jornu ca fui zitu!

Passammu li sirati canciannu li canali
tra medici, virologi e ‘spitali.

E quannu mi v’a curcu mi dici a vuci fina:
“Tu runfi, lassatilla a maschirina!”

Prima ca m’addurmisciu mi pigghiu lu calmanti
poi ‘n sonnu lu Signuri si fa avanti.


«Ognunu supra i spaddi – mi dissi – havi na cruci
è inutili ca preghi, tu po’ ‘stutari a luci.

Lu covid ti lu levu, non fari cchiù prigheri,
ma ti la lassu ccà la tò mugghieri!»

 

Ascolta e scarica

*

MARTIRIO IN RE MINORE PER CONTRABBASSO SOLO
Versi e musica di Mauro Geraci con riprese dal Don Giovanni di Wolfgang A. Mozart e Lorenzo Da Ponte

Questa mia ballata è basata su una esperienza sul campo ma non quello dei primitivi dell’Africa nera o dell’interno della Sicilia dove, ancora, sono in molti a pensare si trovino. E’ quello della prestigiosissima, lussureggiante Accademia Americana di Roma, a Porta San Pancrazio. Ero invitato ad assistere ai saggi dei giovani borsisti compositori che presentavano, come ogni anno, i risultati del loro lavoro. Risultati eccezionali, per molti aspetti. Uno di questi consisteva in un componimento per solo contrabbasso, in quell’occasione eseguito dalla straordinaria contrabbassista Nina de Heney. Brano molto bello che, però, allo scopo di tirare nuove sonorità, prevedeva che lo strumento venisse percosso sulle spalle, sulla pancia, sul basso retroschiena, sul riccio, sulle parti più intime, insomma martoriato. Più che sulla composizione, io mi sono così posizionato (come amano dire gli antropologi della postmodernità) sul punto di vista del contrabbasso che, magari, il giorno prima suonava Mozart o Rossini alla Scala di Milano e ora, all’improvviso, si trovava suonato e preso a legnate (Ligneous era il titolo di un altro componimento, peraltro stupefacente).

 

Sintiti tutti di stu cuntrabbassu
la ‘ngrata sorti chi cci capitau,
era cuntentu e truvava sempri spassu
e un gran tinuri pareva ccà e ddà.

Ogni matina friscu e pittinatu
non vidia l’ura di fari li proven
cu la maistren tedeschen misa a latun
Haendel, Bach e magari Beethoven.

“Mozart mi piaci,
sì lu cchiù granni,
cu tia mi sentu
un Don Giuvanni,
dintra st’orchestra
sugnu lu re,
di li strumenti
lu veru assu
non è ‘u viulinu
è ‘u cuntrabbassu”.

Ma na jurnata cci fu ‘n granni scunquassu
ca a la maistra cci vinni ‘i sunari
un novu pezzu pi sulu cuntrabbassu
d’un musicista chi strata nn’havi a fari.

Nenti sapennu comu ogni matina
tisu lu cuntrabbassu era filici
ma ‘o primu purpittuni nta la schina
pinsau: “Mi, ma chi minchia ci fici!”

Quella mattina alla maestra venne in mente
di suonare un pezzo di musica contemporanea per contrabbasso solo…
comincia, sentite…

 

 

Doppu menz’ura di tiri e pizzuluna
dda speci di spartitu cci finiu
e u cuntrabbassu a chini purmuna
s’arripigghiau lu ciatu: “Santu Diu!

Cara maistra a stu cumpusituri
cuntimpuraneu cci l’aviti a diri,
picchì di l’avanguardia li turturi
nui cuntrabbassi l’avimu a patiri.

Maistra, vidi ca mi nni vaju…

Si botti cu li manu
tu mi darai accussì
supra ‘u pirolu acchianu
e mi nni vaju ‘ngursì!”

Risponde la maestra:

“No no nun mi lassari
ti sonu anima mia
supra sti cordi cari
la duci miludia”.

“Iu sugnu ‘u cuntrabbassu,
e tu fammi sunà,
‘un mi nni futti un cassu
di la mudirnità…”

“Vieni, vieni…”

“Vorrei e non vorrei
mi trema un poco il cor
felice è ver sarei
ma può burlarmi ancor!”

Poi però fanno pace, si abbracciano e continua la storia d’amore tra la maestra e il contrabbasso:

“Andiam andiam mio bene
a ristorar le pene
del nostro antico amor!”

 

Ascolta e scarica

 

*