Fauci di fangu. Sul disastro di Giampilieri e Scaletta Zanclea

Versi e musica di Mauro Geraci

Ballata scritta per denunciare le cause e per ricordare le 37 povere vittime che persero la vita nell’immane alluvione del 1 ottobre 2009, a Giampilieri e a Scaletta Zanclea, vicino Messina. L’alluvione, trovando terreno facile visto il disboscamento provocato dai consueti incendi estivi (ai quali ho dedicato un’altra ballata dall’emblematico titolo “S’abbruciassiru i corna!”), ha disciolto le colline adiacenti le fiumare che hanno letteralmente seppellito sotto il fango i due paesini. A rendere mortale l’alluvione ha di certo contribuito il malcostume dell’abusivismo edilizio come anche l’aver dato il permesso di costruire in terreni fortemente a rischio.

Testo

Lu tamburu nta lu cielu
era tempu chi trunava,
era scrittu nto Vangelu
chi la morti ormai calava

la so vesti comu ventu,
un diluviu supra i casi,
na culata di cementu
comu favuci chi trasi,

tagghia u ciumi, li muntagni,
li paisi senza luci,
niri favuci di fanghi,
un Calvariu senza cruci,

senza strati e ferruvia,
non ci sunnu cchiù li porti,
a cavaddu in ogni via
lu triunfu di la morti.

Scaletta e Giampilieri si rispirava fangu,
trasia nta li purmuna e divintava sangu
chi a mari si nni va… chi a mari si nni va…

Era tempu chi batteva
ddu tamburu dintra a testa
e lu populu sapeva
chi vicina era la festa,

chi si supra la buscagghia
un incendiu c’è ogni sira
quannu chiovi ‘a terra squagghia
comu focu cu la cira;

chi a fiumara non pirduna
li licenzi du Cumuni
e s’incontra palazzuna
si li mancia c’un buccuni.

Lu Calvariu era previstu,
a scavari sunnu pronti,
manca sulu qualchi Cristu
pi pinsari sulu ‘o ponti.

Trenta Cristi di fangu supra l’arcubalenu
in fila si nni scinnunu sutta di lu tirrenu
unni cchiù scuru fa… unni cchiù scuru fa.

Finiu lu malutempu, Scaletta e Giampilieri,
la manu sporca ‘i fangu havi lu cavaleri
chi a Roma vola già…  unni cchiù scuru fa…

Ascolta e Scarica

 

Share:
Avatar

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *