L’amicu di lu cani

Versi di Mauro Geraci

Testo

Scuntravu un cani p”a strata
chi caminava ‘mmenzu di li machini
fermi pi sempri nta lu trafficu di la mé città.
Era sulu,
spaisatu,
c”u pilu straccu
e cu l’occhi calati
ca dicianu: –
“Sulu sugnu e senza patruni” –


Cci dissi: – “Veni, veni ccà.
Tè ccà stu viscutteddu” -.
– “Passa ‘i ddà, curnutu! – m’arrispunniu -.
Lu viscutteddu ti l’ha manciari tu!” -,
e m’abbaiò.

Gioiosa Marea, 1984

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *