Martirio in Re minore per contrabbasso solo

MARTIRIO IN RE MINORE PER CONTRABBASSO SOLO
Versi e musica di Mauro Geraci con riprese dal Don Giovanni di Wolfgang A. Mozart e Lorenzo Da Ponte

Questa mia ballata è basata su una esperienza sul campo ma non quello dei primitivi dell’Africa nera o dell’interno della Sicilia dove, ancora, sono in molti a pensare si trovino. E’ quello della prestigiosissima, lussureggiante Accademia Americana di Roma, a Porta San Pancrazio. Ero invitato ad assistere ai saggi dei giovani borsisti compositori che presentavano, come ogni anno, i risultati del loro lavoro. Risultati eccezionali, per molti aspetti. Uno di questi consisteva in un componimento per solo contrabbasso, in quell’occasione eseguito dalla straordinaria contrabbassista Nina de Heney. Brano molto bello che, però, allo scopo di tirare nuove sonorità, prevedeva che lo strumento venisse percosso sulle spalle, sulla pancia, sul basso retroschiena, sul riccio, sulle parti più intime, insomma martoriato. Più che sulla composizione, io mi sono così posizionato (come amano dire gli antropologi della postmodernità) sul punto di vista del contrabbasso che, magari, il giorno prima suonava Mozart o Rossini alla Scala di Milano e ora, all’improvviso, si trovava suonato e preso a legnate (Ligneous era il titolo di un altro componimento, peraltro stupefacente).

 

Testo

Sintiti tutti di stu cuntrabbassu
la ‘ngrata sorti chi cci capitau,
era cuntentu e truvava sempri spassu
e un gran tinuri pareva ccà e ddà.

Ogni matina friscu e pittinatu
non vidia l’ura di fari li proven
cu la maistren tedeschen misa a latun
Haendel, Bach e magari Beethoven.

“Mozart mi piaci,
sì lu cchiù granni,
cu tia mi sentu
un Don Giuvanni,
dintra st’orchestra
sugnu lu re,
di li strumenti
lu veru assu
non è ‘u viulinu
è ‘u cuntrabbassu”.

Ma na jurnata cci fu ‘n granni scunquassu
ca a la maistra cci vinni ‘i sunari
un novu pezzu pi sulu cuntrabbassu
d’un musicista chi strata nn’havi a fari.

Nenti sapennu comu ogni matina
tisu lu cuntrabbassu era filici
ma ‘o primu purpittuni nta la schina
pinsau: “Mi, ma chi minchia ci fici!”

Quella mattina alla maestra venne in mente
di suonare un pezzo di musica contemporanea per contrabbasso solo…
comincia, sentite…

 

 

Doppu menz’ura di tiri e pizzuluna
dda speci di spartitu cci finiu
e u cuntrabbassu a chini purmuna
s’arripigghiau lu ciatu: “Santu Diu!

Cara maistra a stu cumpusituri
cuntimpuraneu cci l’aviti a diri,
picchì di l’avanguardia li turturi
nui cuntrabbassi l’avimu a patiri.

Maistra, vidi ca mi nni vaju…

Si botti cu li manu
tu mi darai accussì
supra ‘u pirolu acchianu
e mi nni vaju ‘ngursì!”

Risponde la maestra:

“No no nun mi lassari
ti sonu anima mia
supra sti cordi cari
la duci miludia”.

“Iu sugnu ‘u cuntrabbassu,
e tu fammi sunà,
‘un mi nni futti un cassu
di la mudirnità…”

“Vieni, vieni…”

“Vorrei e non vorrei
mi trema un poco il cor
felice è ver sarei
ma può burlarmi ancor!”

Poi però fanno pace, si abbracciano e continua la storia d’amore tra la maestra e il contrabbasso:

“Andiam andiam mio bene
a ristorar le pene
del nostro antico amor!”

 

Ascolta e scarica

 

Per lasciare un tuo graditissimo commento la prima volta dovrai registrarti. Semplicissimo!
1) Clicca qui sotto sulla parola “connesso”;
2) Clicca sulla parola “Registrati”, quindi inserisci un Nome e un indirizzo Mail;
3) Clicca sul link dentro la mail che subito riceverai e ti verrà data una password che potrai già personalizzare;
4) Effettua il login per entrare nel mio sito e lascia i tuoi commenti in fondo a ogni pagina.
Grazie!

 

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento