Criminali di montagna – La tragedia della funivia Stresa Mottarone

CRIMINALI DI MONTAGNA
La tragedia della funivia Stresa Mottarone, 23 maggio 2021
Versi e musica di Mauro Geraci

Breve ballata per esprimere lo sdegno verso quei criminali di montagna che, per non fermare la macchina dei soldi, hanno preferito usare il forchettone rosso per disattivare i freni della cabinovia Stresa Mottarone pensando che non succedesse niente. Invece, dopo giorni e giorni in cui l’avevano sfangata, è successo! Il 23 maggio 2021 il cavo d’acciaio si è spezzato e, senza freni, la cabina è precipitata facendo un salto di più di cinquanta metri. Tutti morti tranne un piccolo. Da qui la mia tragica ballata per portare tutti a riflettere sulle mani tecnologiche ed etiche in cui sono riposte le nostre vite anche quando, dopo durissimi mesi di clausura pandemica, ci riapriamo timidamente a trascorrere qualche sospiratissimo giorno di relax all’aria aperta. Per i criminali che hanno causato questa assurda tragedia anche lo stesso Lucifero non sa che pene impartire.

Testo

La cabina ogni mumentu
si bloccava ntra li munti,
si guardaru suttaventu
e si ficiru li cunti.

“Ccà l’incassu lu pirdemu,
la jurnata è sularina,
v’a livamuci lu frenu
ca lu stissu idda camina”.

Lu dimoniu si ‘mmiscau,
‘n corpu ‘i cuda pi la via
e lu cavu si spizzau
e cadiu la funivia

china china di picciotti
patri, matri e picciriddi,
tranni unu tutti morti
ora sunnu ammenzu ‘i stiddi.

E Tadini cu Nardini
cu Perocchio ed autri addetti
‘nveci sunnu ‘ntra li spini,
a li pusi li manetti.

Oh Lucifaru ‘nfirnali
a to casa statti ‘m paci
ca ‘sti pezzi ‘i criminali
mancu boni su’ p’a braci.

 

Ascolta, vedi e scarica

 

 

Per lasciare un tuo graditissimo commento la prima volta dovrai registrarti. Semplicissimo!
1) Clicca qui sotto sulla parola “connesso”;
2) Clicca sulla parola “Registrati”, quindi inserisci un Nome e un indirizzo Mail;
3) Clicca sul link dentro la mail che subito riceverai e ti verrà data una password che potrai già personalizzare;
4) Effettua il login per entrare nel mio sito e lascia i tuoi commenti in fondo a ogni pagina.
Grazie!

 

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento