Io, cantastorie

Versi e musica di Mauro Geraci

…mio padre era giornalista presso il Giornale di Sicilia di Palermo, città dove sono nato.  All’inizio, faceva il critico musicale e teatrale e a casa portava una montagna di dischi di ogni tipo… erano i dischi di cantanti, musicisti, orchestre che inviavano a lui una copia dei loro prodotti discografici per avere una recensione. Tra questi molti erano quelli dei cantastorie siciliani e io passavo le giornate intere ad ascoltarli… ma invece di raccontarvi così la storia di come io sono diventato cantastorie ve la faccio sentire  con la mia ballata che dà anche il titolo al mio CD.

Testo

Notti di lugliu scinneva lu carru
di Porta Nova ‘nsinu a Vucciria.
Jocu di focu ‘m Palermu c’è festa
pi l’abbucata Santa Rusulia.

Cu lu fistinu ca c’è ad ogni banna,
nta lu quarteri chiamatu d’ ‘a Nuci,
‘mmenzu a me matri, me patri e me nanna,
nascivu iu com’un babbaluci.

Un babbaluci cu li corna tisi
comu li ‘ntinni d’ ‘a tilivisioni
ca canta e cunta li ‘mbrogghi e li ‘mprisi
cu la chitarra di lu cantastorii.

 

Un autoritratto infantile in cui Mauro Geraci si immagina già come un cartellone.

 

Comu lu pumu a lu misi di maggiu
russu di fidi crisceva e d’amuri,
mè patri sempri mi dava curaggiu
pi cuntrastari tuttu lu duluri.

“Oh masculiddu miu sicilianu
iddu diceva cu vuci sincera –
rispetta sempri lu populu amaru
ca la tò vita è cchiù digna e cchiù vera.

Ma non calaricci ‘a testa ‘o baruni,
a li fascisti e ai latri statali,
a lu mafiusu ed a lu massuni
tu l’ha attaccari supra li giurnali”.

E si me patri di Sciascia parrava,
di la Sicilia e di li ‘ntillittuali,
c’era mè nannu ca quannu passava
purtava i dischi di Stranu e Trincali.

E quannu vinni lu sittantaddui
vinnimu a Roma cu tutta a famigghia,
dintra ‘u me pettu ci nn’eranu ddui
cori chi battunu senza la brigghia.

Cori scinziatu ca vulia capiri
d’ ‘i siciliani li cumpurtamenti,
cori chi canta pi poi dinunciari
tuttu lu dramma d’ ‘a povira genti.

Ora lu studio è ‘na cosa d’ittari
s’iddu ‘nto cori di l’omu non scova
tutti li storii e i valuri cchiù rari
pi nta li chiazzi mittilli a la prova.

Pirciò di ‘Gnaziu mi giuvanu l’ali,
d’Oraziu Stranu li cordi puncenti
e di Busacca li lacrimi amari,
e di Rusidda li sò i sintimenti.

E l’irunia la pigghiu da Otellu
e da Sindoni lu gestu ‘gintili,
da Salamuni lu sonu cchiù bellu
e da Santancilu l’anticu stili.

‘U geniu e ‘u focu di Francu Trincali
da sempri avvampa dintra la mè testa,
addevu sugnu ed amicu liali
e nta li chiazzi facemu la festa.

Havi vint’anni di quannu mè patri,
‘mmenzu a li libbra supra lu scaffali,
‘nta libriria di Via del Tritoni
‘ccattau I ballati di Francu Trincali.

“Maureddu miu tu sì sicilianu,
chista è pi tia lizioni d’impegnu,
ca quannu ad Avula ‘u sangu virsanu
sulu Trincali cantava lu sdegnu”.

Militello Val di Catania, 2018. Mauro Geraci e il suo maestro Franco Trincale per la mostra dedicata al cantastorie militellese.

 
Ascolta e Scarica

 

Share:
Avatar

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *