Foggia 1999

 

Versi e musica di Mauro Geraci

Ballata sul crollo del palazzo di Viale Giotto avvenuto l’11 novembre 1999. Il crollo avvenne per un cedimento strutturale e le vittime furono 67. L’ultimo sopravvissuto, Guerino Alessandrino di 25 anni, fu estratto dalle macerie circa quindici ore dopo il crollo e fu considerato miracolato.

Testo

Mentre gridava – «Ho sete» – nella notte
le nuvole di calce mandan pioggia,
fin quando sorseggiò dall’autobotte
lì nel palazzo ch’è crollato a Foggia.

 

Le vittime del palazzo crollato a Foggia, in Viale Giotto, l’11 novembre del 1999.

 

Tanti altri vanno in cielo, Guerino s’è salvato
perché quei travi ch’ora son maceria
eran di fango e non cemento armato.

Laura Lombardi di tre anni appena
tirata è stata fuor dalla montagna,
saprà che papà e mamma in quella scena
ormai la morte hanno per compagna.

Un’altra mamma grida: «Palmina resta qua,
del matrimon le foto non son pronte
e cosa porti a Dio da regalar?»

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *