Una specie di giornata al mare… non solo ligure

Versi e musica di Mauro Geraci

Questa è una scenetta poetico-musicale che, nel proseguire la mia attenzione nei confronti dei mezzi di controllo sociale (v., ad esempio, L’uomo e la bambola, che narra di una storia vera successa nella spiaggia di Mondello vicino Palermo e molto presto anche su questo sito), ipotizza una possibile conseguenza del braccialetto sonoro chiamato “iFeel-You” (“iTi-Sento” sic!) che l’attuale presidente della regione Liguria ha in mente di adottare per mantenere il distanziamento sociale sulle spiagge. L’imposizione del braccialetto che, a poco a poco, sta interessando anche altri governatori s’aggiungerà, probabilmente, a quello dell’app Immuni su cui ho già scritto e cantato L’insostenibile leggerezza dell’app. Nel frattempo, in Belgio, la piovra imprenditoriale delle smartapp sta sperimentando sulla collettività l’uso del chip RFID, piccolo quanto un chicco di riso, posto sottopelle, col quale si riesce a tenere sotto controllo e a registrare ogni intimo movimento degli individui che, con il chip, avranno anche la possibilità di pagare in modo smart nei negozi, bar e ristoranti. Tutto in nome della “trasparenza”! Ecco il sito in francese dove se ne parla:

https://www.rtbf.be/info/societe/onpdp/detail_une-societe-belge-implante-une-puce-electronique-sous-la-peau-de-ses-employes?id=9511535&fbclid=IwAR2V9xqCs0Gkk-dKlQX2sAoIMl6nQtlhr2FRoytaanSQnpeZ_evq3y5wFfs

Ora questo mio è un piccolo bozzetto tragicomico, a fantasia e in siciliano. Nasce tuttavia dalla conoscenza di similari fatti che ho avuto modo di osservare e raccogliere nel corso della mia vita di cantastorie.

Testo

Lu jornu prima m’avia fattu zitu
cu na picciotta ca parja na Musa,
lu cielu lu tuccava cu lu jitu
e prestu la vuleva comu spusa

ma poi ci fu u lockdown,
tri misi n’casa chiusi
sintiti a mari ora chi mi fa:

– “Ah – idda dici – Turi miu.
sutta ‘o suli un vasuneddu
dammillu prestu smoviti, l’amuri miu si tu!
Fammilla na carizza duci duci.
macari na tuccata ca mi piaci! –

– Ah Carmilina chi si pazza!
Ora sona u braccialettu,
u puntuneri curri e la multa a mia mi fa
e poi cu l’app puru lu Signuri
survigghia ca l’amuri non si fa!”

E Carmilina sulu mi lassau
sutt’a lu suli comu un pumadoru,
a casa di so mamma riturnau
dicennu: – Turi è un veru cacaovu! –

E iu m’arripigghiai
la maschera e li pinni
e riturnannu a casa chi pinsai:

– Ah sugnu un omu ruvinatu,
nta stu munnu abbannunatu
chi malasorti, ‘un sacciu ‘n zoccu ha’ fari,
c’u braccialettu, all’app incatinatu
e Carmilina si nni va macari!

– Ah quant’è bella l’aria frisca
trasi di lu finistrinu,
lu braccialettu e lu tilifuninu
li jettu a mari unni l’acqua è blu
e a Carmilina non ci pensu cchiù!

 

Ascolta e scarica 

Share:
Mauro Geraci

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *