La stragi di Genova

 

Versi e musica di Mauro Geraci


Il crollo del Ponte Morandi di Genova non è stato un crollo ma una strage annunciata. Da anni la città di Genova si lamentava delle cadute di calcinacci, della ruggine, delle infiltrazioni, delle manutenzioni che, nonostante le concessioni miliardarie date a Benetton, ad Altalia, a Sintonia, ad Autostrade per l’Italia, non venivano effettuate. Quella del 14 agosto 2018 dove persero la vita 43 persone non la dobbiamo allora considerare un incidente ma una vera e propria Strage di Genova che, quantomeno, esigerebbe la revoca delle concessioni a quelle società e imprese che non hanno neppure la dignità di vergognarsi.

Testo

Quali tragedia,
quali sciagura,
chista è na stragi
cu li mandanti,
stragi di Genova
c’havi lu dulu
picchì un ponti
non cadi sulu.

Mentri s’agghiutti
machini e camiun,
picciuli e granni
d’i tutti i banni

ora mureru
tra cielu e mari,
senza un tabbutu,
senza un altari

e c’è cu ancora
c’havi pitittu
di Tav e Ponti
supra lu Strittu.

Stragi annunciata,
ugnunu sapi,
supra li casi
ca s’annacava,

speci a lu ventu
trimava forti
comu lu vecchiu
d’in facci a morti.

Nuddu ‘ntirvinni,
Sintonia e Altalia
mancu Autostrade
per tutta l’Italia,

‘mprisi privati
nto Lussemburgu
ca non facevanu
a manutenzioni.

Pregamu a Diu
cu tutti i santi
ca ci livassiru
la concissioni,

ca si scurdaru
morti e ‘nnuccenti
s’i sciddicaru
di li cuscienzi,

‘ccussì ‘n Sicilia
Salvini avanza
le chianci i morti
jnchennusi a panza.

O Benetton
p’u funirali
ti pregu facci
‘ncappottu di lignu

e tu Tuscanu,
si sì pintutu,
scattacci a fotu
pi lu tabbutu.

Share:
Avatar

Author: Mauro Geraci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *